Biscotti croccanti alle mandorle e latte fermentato

Una ricetta sperimentata un po’ per caso, poco più di una settimana fa.
Una confezione di latte fermentato, di cui ancora non ho scoperto la differenza rispetto al latte di kefir, per gusto e capacità di rendere soffice un lievitato, morbido un dolcetto, croccante un biscotto. Ma prima o poi la verità verrà a galla ^_^!
Una farina integrale semplicemente strepitosa e la voglia di unirla alle mandorle, siciliane che più sicule non si può.
Lo zampino di mia madre e la sua voglia di mettere sempre in mezzo la farina di rimacinato.
Il tutto sotto forma di biscotti.
Con una forma e un’idea che ricordano i quaresimali, con o senza olio, con o senza farina di rimacinato.
anche questa volta l’esperimento è riuscito. Non riuscitissimo, con piccole cose da modificare, ma talmente buono da meritare un secondo tentativo ^_^!

BISCOTTI ALL’OLIO, MANDORLE E LATTE FERMENTATO


INGREDIENTI
480 g di latte fermentato
400 g di mandorle tritate
500 g di farina integrale
600 g di farina di rimacinato
300 g di zucchero
15 g di ammoniaca per dolci
cannella q.b.
un pizzico di chiodi di garofano, in polvere
un vasetto colmo da yogurt di olio extravergine d’oliva (circa 150 ml)

Nella ciotola della planetaria (o del mixer), sciogliete l’ammoniaca con un cucchiaio di latte.
Aggiungete l’olio e il latte fermentato rimasto, quindi unite gli ingredienti secchi. Una volta amalgamati tutti gli ingredienti, dovreste ottenere un impasto consistente, che si stacca dalla ciotola, ma appiccicoso. In caso contrario, aggiungete tanta acqua tiepida quanto basta (io non ne ho avuto bisogno).
Quindi passate l’impasto su un ripiano infarinato; tagliate un pezzo e fate un salsicciotto aiutandovi con un po’ di farina, che appiattirete per ottenere dei biscotti da circa 2,5-3 cm. Continuate così fino a quando l’impasto sarà terminato.
Trasferite i salsicciotti ottenuti su una placca rivestita di carta forno e tagliateli a fette, senza però staccarle.
Dopo un riposo di circa un’ora, infornate i vari pezzi in forno preriscaldato e ventilato a 180° per circa 30 minuti, o fino a quando non sono dorati.
Appena sono dorati e leggermente morbidi, trasferite i salsicciotti su un tagliere e dividete le varie fette.
Mettete i biscotti uno ad uno sulla placca e finite di cuocere, per farli biscottare.
Il tempo finale di cottura dipende dal grado di “biscottamento” che si vuole ottenere, ovviamente. A me ad esempio piacciono morbidi e leggermente croccanti.
Un’altra latta colma di biscotti, pronti per una fumante tazza di tè verde al gelsomino ^_^!

Con questa ricetta partecipo al contest Biscotti senza forma

A presto ;)!

(Visited 429 times, 1 visits today)

8 Responses to Biscotti croccanti alle mandorle e latte fermentato

  1. Qualche dubbio: il latte fermentato? Dove si trova? E la farina di rimacinato…cos'è? Complimenti per la ricetta, anche per quelle precedente della crema di mandorle…idee nuove e stuzzicanti!Cri

  2. gloria cuce' says:

    Interessanti questi biscotti. Mi piace tanto quando sono croccanti fuori e morbidi dentro.

  3. Mariabianca says:

    Piacere di conoscerti sto guardando,con piacere, molti tuoi post.
    Anch'io sono siciliana,di Trapani.
    Non potevo non inserirmi tra i tuoi lettori.

  4. sabina says:

    mi fanno impazzire questi biscotti dall'aspetto così rustico
    un bacione

  5. colombina says:

    che belli che sono, viene voglia di inzupparli. Con la farina integrale poi sanno di rustico. Un bacio cara

  6. @Cristiana: io il latte fermentato lo prendo in un supermercato vicino casa, ma l'ho visto anche da Todis e da Eurospin. Se non lo trovi, sostituiscilo senza problemi col latte di kefir, che trovi da Naturasì, Auchan, Todis ;)! La semola rimacinata (o, come diciamo noi, farina di rimacinato) è un tipo di farina di grano duro e la trovi in tutti i supermercati ;)!

    @tutte: sono contenta che questa ricetta vi piace ^__^

  7. marzia says:

    Siiiì, li voglio provare! Ma sono inzupposi??Sto pregustando la colazione 🙂 mi ispirano tanto, devo solo esercitarmi con le proporzioni e ridurre le dosi 🙂 bacioniiii

  8. Stefania says:

    ok, vanno stra-bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *