Tag Archives: nocciole

Cioccolatando alla seconda :P

Vi capita mai di non saper cosa scrivere? A me ultimamente succede spesso. Accumulo ricette, cerco di pubblicarle il prima possibile, per evitare che gli ingredienti finiscano per non essere più di stagione, ma appena mi ritrovo davanti lo schermo si crea un blocco e in testa ho il vuoto totale, senza neanche capirne il motivo.
E allora perchè non proporre la ricetta, accompagnata da brani musicali, ho pensato?

Questa è una delle prime ricette del libro Small Plates & Sweet Treats che ho provato.
Ultimamente ne ho accumulate diverse, a cui a volte ho aggiunto le mie personali modifiche, giusto perchè se non cambio qualche ingrediente non sono contenta ^^”! Spero di riuscire a farvele vedere, piano piano.
Comunque, non lo faccio per pubblicità, ma perchè sono entrata in fissa anche con questo libro, proprio com’è successo con quello di Clea e con quello di Julia Child.

CREMA AL CIOCCOLATO, COCCO E NOCCIOLE
ispirata alla ricetta Chocolate, Hazelnut & Fleur de sel pots de crème
tratta da Small Plates & Sweet Treats

INGREDIENTI
30 g di nocciole (omesse, non le avevo)
500 ml di latte di cocco non zuccherato
1 stecca di vaniglia, tagliata a metà, più i semi
1 uovo
2 tuorli
50 g di zucchero di cocco o zucchero bruno dorato (zucchero di canna q.b.)
2 cucchiai di crema di nocciole
60 g di cioccolato al latte, tagliato finemente (omesso)
60 g di cioccolato fondente, tagliato finemente (120 g di cioccolato fondente equosolidale al 70% di cacao)
1/2 cucchiaino di fleur de sel (omesso)

It is easy to make nut butters at home. Spread 2 cups of your favorite nuts on a baking sheet. Bake the nuts at 180°C for 5 to 10 minutes or until fragrant and golden. Transfer them to a food processor or high-speed blender and process them until they turn into a paste. Add 1 tablespoon vegetable oil (hazelnut, almond, or pistachio) and a pinch of salt and process until smooth. You can sweeten the nut butter with 1 tablespoon honey or leave it plain.”

Preriscaldate il forno a 180°.
Tostate le nocciole per 5-7 minuti, fino a quando sono dorate e fragranti. Avvolgetele in uno strofinaccio e strofinatele per rimuovere la pellicina esterna. Fatele raffreddare, poi tagliatele a pezzetti grossolani.
Riducete la temperatura del forno a 150°.
In una pentola, riscaldate a fiamma media il latte di cocco, unito alla stecca di vaniglia e ai semi di vaniglia. Fatelo sobbollire leggermente.
Nel frattempo, in una ciotola mescolate l’uovo, i tuorli, lo zucchero e la crema di nocciole.
Appena il latte di cocco inizia a bollire, rimuovete la pentola dal fuoco. Rimuovete la stecca di vaniglia e aggiungete il cioccolato. Mescolate per far sciogliere il cioccolato nel latte.
Versate un po’ di latte di cocco al cioccolato sopra le uova, mescolando, per evitare che le uova si rapprendano. Aggiungete il latte di cocco al cioccolato rimasto e mescolate. Filtrate il composto ottenuto utilizzando un colino, versandolo in una ciotola pulita. Aggiungete il fleur de sel e mescolate.
Versate la crema in 6 ramequin da circa 28 ml. Fate cuocere a bagnomaria per 30-40 minuti o fino a quando la crema risulti cotta dopo aver fatto la prova dello stecchino.
Potete servire la crema al cioccolato, cocco e nocciole a temperatura ambiente o fredda.


Riprovando e aggiornando

Ricordate la torta al quark, proposta qualche mese fa?

Dissi che l’avrei riprovata, diminuendo la quantità di farina e maizena utilizzata.
Beh, alla fine l’ho rifatta con qualche aggiornamento, tra cui l’eliminazione della farina e della maizena.
Avevo inizialmente pensato, poi, di sostituire la ricotta con lo yogurt greco, ma il solito mercato settimanale ha generato il solito effetto e non ho resistito ^_^!
La presenza in casa di biscotti alle mandorle, crema di nocciole (entrambi casalinghi e che potete provare cliccando sui link ;)!) e di una deliziosa marmellata di fragole biologica hanno fatto il resto.
Ed ecco una nuova versione di cheesecake al quark e ricotta ^_^!

CHEESECAKE AL QUARK, RICOTTA, MANDORLE E NOCCIOLE

INGREDIENTI
500 g di quark magro
200 g di ricotta, ben asciutta (è necessario lasciarla scolare per almeno mezza giornata, un giorno)
marmellata di fragole q.b.
2 uova
scorza grattugiata di 1/2 limone
Una torta semplicissima e davvero veloce da preparare, soprattutto se i biscotti sono quelli riciclati dall’infornata fatta con più di una settimana di anticipo, com’è successo a me ^_^!
La base: iniziate magari la sera prima, tritando i biscotti nel mixer. Aggiungete quindi circa 4 cucchiai di crema di nocciole e azionate il mixer a intermittenza. Se la quantità di crema non dovesse essere sufficiente, aggiungetene un altro po’, andando ad occhio. Versate metà del “finto crumble” ottenuto su una tortiera a fascia apribile di 20 cm, ricoperta di carta forno e compattate l’impasto con un cucchiaino. Conservate la base in frigorifero fino al giorno successivo (oppure per circa 1 o 2 ore, se fate base e ripieno nello stesso giorno).
Il ripieno: mescolate energicamente il quark e la ricotta con la frusta, finché non si sono ben amalgamati. Aggiungete quindi tanta marmellata di fragole quando basta e mescolate bene. Unite quindi alla crema di formaggio metà della parte di “finto crumble” rimasto; poi aggiungete le uova sbattute e la scorza grattugiata di mezzo limone.

Versate il ripieno di formaggio sopra la base di biscotti.
Cuocete in forno preriscaldato e ventilato a 180° per circa 30 minuti.
Lasciate raffreddare nella tortiera; quindi, decorate la torta con il “finto crumble” rimasto. Poi conservate in frigo, se non servite subito la torta. In tal caso, sformatela solo poco prima di servire.
Con questa ricetta otterrete circa 4-5 porzioni.

A presto ;)!

<a href=”http://aboutfoodrecepies.blogspot.com/2013/03/2-contest-ricotta-mille-usi.html”><img src=”http://farm9.staticflickr.com/8389/8528150576_495b66976b_n.jpg” width=”200″ height=”” alt=”contest 2″></a>


Crema di mandorle e nocciole, al 100% e casalinga ^_^!

Se seguendo un blog iniziaste a conoscere le creme tratte dalla frutta oleaginosa e vi rendeste conto che possono essere riprodotte in casa, cosa fareste?
Beh, io ci ho provato ;), prendendo spunto dalle due ricette consigliate da Clea, quelle di Virginie e Pascale.
Ho recuperato gli ingredienti, ho tirato fuori il mixer e in meno di 2 ore era tutto pronto ^_^!
Secondo i consigli di Virginie e Pascale, sarebbe meglio non far surriscaldare il mixer e la frutta oleaginosa, facendo delle piccole pause, per evitare la perdita di parte delle sue proprietà nutritive.
Per la seconda crema, quella di nocciole, ho fatto un’unica tirata, senza pausa, per capire se il surriscaldamento potesse rovinare anche il sapore della frutta ridotta a crema: nessun problema ;)!
Quindi, a voi la scelta ;)!

CREMA DI MANDORLE, AL 100%
 ispirata a un’idea di Virginie e Pascale

INGREDIENTI
300 g di mandorle
un mixer
Fate asciugare la frutta in una padella, mescolando spesso, per qualche minuto, evitando che si bruci. Deve essere appena tostata. Levatela quindi dal fuoco e fatela arrivare a temperatura ambiente.
Nel mixer, a velocità media, riducete le mandorle quasi in polvere.
Fate riposare il tutto per almeno 10-15 minuti, per evitare il surriscaldamento di motore e frutta.
Azionate il mixer per altri 5-10 minuti. A questo punto, le mandorle in polvere inizieranno sempre più a compattarsi. Rispettando il riposo tra una fase e l’altra, vi accorgerete che l’impasto tende ad attaccarsi alle pareti. Riunitelo aiutandovi con una spatola. Frullate ancora.
Tra una fase e l’altra, se doveste avere l’impressione che la massa di mandorle non tende ad assumere le sembianze di una crema, non scoraggiatevi ;)! Tra una fase di riposo e l’altra, dopo 1 ora e mezza, 2 ore (dipende anche dal numero di pause effettuate) vi accorgerete che la massa pastosa di mandorle, continuando a frullare, si ridurrà in una massa cremosa, come in foto o come la crema di mandorle che si trova in commercio. Mi riferisco ovviamente alla crema di mandorle (con o senza pellicina) composta al 100% da mandorle, priva di altri ingredienti e reperibile nelle botteghe biologiche.
Una crema deliziosa su una fetta di pane, tostato o no, magari anche casalingo, oppure da utilizzare per…beh, ve lo dirò presto ;)!
Con la ricetta della crema di mandorle, partecipo all’iniziativa Salutiamoci, che per febbraio prevede le mandorle.
CREMA DI NOCCIOLE, AL 100%
 ispirata a un’idea di Virginie e Pascale

INGREDIENTI
300 g di nocciole
un mixer
Fate asciugare la frutta in una padella, mescolando spesso, per qualche minuto, evitando che si bruci. Deve essere appena tostata. Levatela quindi dal fuoco e fatela arrivare a temperatura ambiente.
Nel mixer, a velocità alta, riducete le nocciole quasi in polvere.
Fate riposare il tutto per almeno 10-15 minuti, per evitare il surriscaldamento di motore e frutta.
Azionate il mixer per altri 5-10 minuti. A questo punto, le nocciole in polvere inizieranno sempre più a compattarsi. Vi accorgerete che l’impasto tende ad attaccarsi alle pareti. Riunitelo aiutandovi con una spatola. Frullate ancora.
Tra una fase e l’altra, con le pause necessarie per staccare l’impasto dalle pareti, se doveste avere l’impressione che la massa di nocciole non tende ad assumere le sembianze di una crema, non scoraggiatevi ;)! Tra una fase di riposo e l’altra, dopo circa 45 minuti o 1 ora (dipende anche dal numero di pause effettuate) vi accorgerete che la massa pastosa di nocciole, continuando a frullare, si ridurrà in una massa cremosa, come in foto o come la crema di nocciole che si trova in commercio. Mi riferisco ovviamente alla crema di nocciole composta al 100% da questa frutta oleaginosa, priva di altri ingredienti e reperibile nelle botteghe biologiche.
Una crema deliziosa su una fetta di pane, tostato o no, magari anche casalingo, oppure da utilizzare per…beh, ve lo dirò presto ;)!